Big Mouth: la nuova, quarta, stagione del racconto ironico (per adulti) sulla pubertà

2 minuti di lettura
Big Mouth: la nuova, quarta, stagione del racconto ironico (per adulti) sulla pubertà

Big Mouth 4

Ho appena finito di vedere l'intera nuova stagione di Big Mouth, serie comedy a cartoni prodotta da Netflix. Circa 5 ore di visione che ho mangiato praticamente in una sera lo stesso giorno dell'uscita.

Al di là del mio intelligentissimo modo di spendere le mie serate, volevo cogliere l'occasione per raccomandare praticamente a tutti gli adulti che leggono queste pagine la visione di questa divertentissima serie.

Stile e contenuto

Dal punto di vista grafico la serie ricorda un po' lo stile di Seth MacFarlane (Griffin, American Dad, Cliveland Show) dalle marcate sproporzioni (come appunto le grandi bocche) comunque gradevoli da vedere, con una scelta dei colori brillante e piacevole.

Quanto secondo me interessante, comunque, non è tanto la realizzazione in sé quanto invece il contenuto che ruota intorno al racconto dei temibili cambiamenti che avvengono in adolescenza quando repentinamente si passa dall'essere bambini a ragazzi.

Come la vedo io

Ci siamo passati tutti: drammi, confusione, imbarazzo, paura del cambiamento. Temi delicati che probabilmente fanno tornare alla mente episodi del proprio vissuto, raccontati ironicamente attraverso un cattivo gusto talemente tremendo da essere divertente.

La serie si esprime attraverso la narrazione delle esperienze dei protagonisti. Tutti ragazzini che frequentano la stessa scuola che inevitabilmente è per gran parte del tempo il luogo di riferimento della storia e che aiuta ad offrire uno scorcio sulla visione che hanno i ragazzini nei confronti degli insegnanti e quindi adulti, oltre che dei propri coetanei.

Ogni episodio segna un punto nella crescita dei personaggi, che dovranno fare i conti con esperienze che potranno potenzialmente insegnare loro qualcosa o segnarli indelebilmente.

Sebbene il filo rosso sia il truce, esplicito (anche dal punto di vista visivo, non è indicata la visione a persone suscettibili), cambiamento fisico dovuto alla pubertà gli autori sono secondo me in grado di sfruttare il pretesto per toccare i temi della crescita di un individuo anche trasversalmente non facendosi mancare battuete esilaranti e un tocco di esoterismo. In ogni episodio, infatti, non mancano fantasmi e mostri (degli ormoni in questo caso) per nulla eterei ma che influenzano concretamente la realtà dei ragazzi.

Da vedere.

Pubblicato in flusso

Copyright © 2010-2021 Enrico Deleo

Privacy Policy

Storie di musica, startup, digital, coding e qualsiasi cosa mi venga in mente.